Cronologia della Prima guerra mondiale

1914

28 giugno L’Arciduca d’Austria Francesco Ferdinando viene assassinato a Sarajevo
1 luglio Il generale Luigi Cadorna viene nominato Capo di Stato Maggiore italiano
23 luglio Ultimatum austriaco alla Serbia
28 luglio L’Austria-Ungheria dichiara guerra alla Serbia
1 agosto La Germania dichiara guerra alla Russia
2 agosto L’Italia dichiara la propria neutralità
3 agosto La Germania dichiara guerra alla Francia e invade il Belgio
4 agosto La Gran Bretagna dichiara guerra alla Germania
5 agosto L’Austria-Ungheria dichiara guerra alla Russia e il Montenegro dichiara guerra all’Austria-Ungheria
6 agosto La Serbia dichiara guerra alla Germania
12 agosto La Gran Bretagna dichiara guerra all’Austria-Ungheria
23 agosto Il Giappone dichiara guerra alla Germania
5 settembre Gran Bretagna, Francia e Russia si impegnano a Londra a non concludere patti separati con gli Imperi centrali
6-12 settembre Nella battaglia della Marna i tedeschi devono ritirarsi
29 ottobre La Turchia attacca la Russia
2 novembre La Russia dichiara guerra alla Turchia. Francia e Gran Bretagna dichiarano guerra alla Turchia
8 dicembre Battaglia navale alle Falkland fra tedeschi e inglesi

1915

6-8 gennaio Volontari garibaldini italiani combattono nelle Argonne a fianco dell’Intesa
21 febbraio In varie città italiane scontri tra interventisti e neutralisti
9 marzo Promessa austriaca all’Italia di cessione del Trentino
26 aprile Patto di Londra con cui l’Italia si impegna ad entrare in guerra a fianco dell’Intesa entro un mese
3 maggio  Denuncia da parte dell’Italia del trattato della Triplice Alleanza firmato con Austria e Germania
23 maggio L’Italia dichiara guerra all’Austria
24 maggio  Inizio delle operazioni belliche sul fronte italiano
23 giugno –
7 luglio
Prima battaglia dell’Isonzo
18 luglio –
4 agosto
Seconda battaglia dell’Isonzo
21 agosto L’Italia dichiara guerra alla Turchia
6 settembre La Bulgaria si allea con gli Imperi Centrali e la Turchia
6 ottobre La Serbia viene invasa da forze austriache, tedesche e bulgare
14 ottobre La Bulgaria entra in guerra a fianco degli Imperi Centrali
18 ottobre –
4 novembre
Terza battaglia dell’Isonzo
19 ottobre L’Italia dichiara guerra alla Bulgaria

10 novembre –
5 dicembre

Quarta battaglia dell’Isonzo

30 novembre

Accordo di Londra tra Gran Bretagna, Francia, Italia, Giappone, Russia a non concludere pace separata con gli Imperi Centrali

6 dicembre

Riunione delle forze dell’Intesa a Parigi

1916

11 gennaio Offensiva austriaca nel Montenegro
21 febbraio –
24 giugno
Battaglia di Verdun
23 febbraio Gli italiani abbandonano Durazzo
11-19 marzo Quinta battaglia dell’Isonzo
27-29 aprile Conferenza Interalleata a Parigi
15 maggio Offensiva austriaca sull’altopiano di Tonezza e Asiago
21 maggio Battaglia navale dello Jutland tra inglesi e tedeschi
10 giugno In Italia, dimissioni del governo Salandra, nuovo governo presieduto da Paolo Boselli
16 giugno Inizio della controffensiva italiana sugli altipiani
12 luglio A Trento, Cesare Battisti e Fabio Filzi sono impiccati dagli austriaci
4-17 agosto Sesta battaglia dell’Isonzo. Gorizia è conquistata dagli italiani l’8 agosto
10 agosto Nazario Sauro viene impiccato dagli austriaci a Pola
27 agosto La Romania dichiara guerra all’Austria-Ungheria. L’Italia dichiara guerra alla Germania
29 agosto Von Hindenburg subentra a von Falkenhayn nella carica di Capo di Stato Maggiore Generale tedesco
1 settembre La Bulgaria dichiara guerra alla Romania
14-17 settembre Settima battaglia dell’Isonzo
9-12 ottobre Ottava battaglia dell’Isonzo
1 novembre Nona battaglia dell’Isonzo
7 novembre Wilson è rieletto presidente degli Stati Uniti
15-16 novembre Conferenza Interalleata a Chantilly (Francia)
22 novembre A Vienna muore l’Imperatore Francesco Giuseppe. Gli succede il pronipote Carlo I
6 dicembre Lloyd George diventa primo ministro britannico. I tedeschi occupano Bucarest

1917

6-8 gennaio Conferenza Interalleata a Roma
1 febbraio La Germania dichiara guerra sottomarina ad oltranza
3 febbraio Rottura delle relazioni diplomatiche fra Stati Uniti e Germania
3 marzo Arz von Straussenburg sostitosce Conrad von Hotzendorff nella carica di Capo di Stato Maggiore dell’esercito austro-ungarico
8 marzo Iniziano movimenti rivoluzionari in Russia (23 febbraio secondo il calendario russo)
15 marzo  Abdicazione dello zar Nicola II di Russia. Formazione di un governo provvisorio
6 aprile Gli Stati Uniti dichiarano guerra alla Germania
12 maggio –
6 giugno
Decima battaglia dell’Isonzo
29 aprile Petain diventa Capo di Stato Maggiore dell’esercito francese
3 giugno L’Albania si dichiara indipendente sotto la protezione dell’Italia
10-29 giugno Battaglia dell’Ortigara
26 giugno Sbarca in Francia il primo contingente statunitense
27 giugno La Grecia entra in guerra a fianco dell’Intesa
25 luglio Conferenza Interalleata a Parigi
1 agosto Appello del papa Benedetto XV contro «l’inutile strage»
7-8 agosto Conferenza Interalleata a Londra
18 agosto –
12 settembre
Undicesima battaglia dell’Isonzo. Conquista dell’altopiano della Bainsizza
24 ottobre Dodicesima battaglia dell’Isonzo. Gli italiani sono travolti tra Plezzo e Tolmino a Caporetto
8 novembre Armando Diaz sostituisce Luigi Cadorna nella carica di Capo di Stato Maggiore dell’esercito italiano
27-31 ottobre Attacchi austro-tedeschi sull’altopiano di Asiago, sul Grappa e sul Piave
26 novembre Il governo provvisorio russo chiede agli Imperi Centrali l’apertura di negoziati di pace
7 dicembre Gli Stati Uniti dichiarano guerra all’Austria-Ungheria
9 dicembre La Romania firma l’armistizio con Austria e Germania
15 dicembre Armistizio di Brest-Litovsk tra Russia e Germania

1918

8 gennaio Il presidente degli Stati Uniti Wilson enuncia i suoi “14 punti” per la pace mondiale
27-29 gennaio Controffensiva italiana sugli altipiani
3 marzo Trattato di Brest-Litovsk tra Russia e Imperi Centrali
21 marzo

Offensiva tedesca in Francia

26 marzo 

Il generale francese Foch è nominato comandante supremo delle forze alleate

8 maggio

Trattato di pace di Bucarest tra Romania e Imperi Centrali

15-23 giugno

Battaglia del Piave o del Solstizio. Gli austriaci sono respinti

15-26 luglio

Seconda battaglia della Marna

16 luglio

Lo zar Nicola II è ucciso con la sua famiglia a Ekaterinburg dai rivoluzionari

9 agosto

Gabriele D’Annunzio, con una formazione di sette aerei SVA, vola su Vienna lanciando manifestini di propaganda

14 settembre

Gli austriaci cercano di aprire trattative di pace

26 settembre

Offensiva generale alleata sul fronte occidentale

29 settembre

Armistizio di Salonicco tra Bulgaria e l’Intesa

3 ottobre 

In Germania il principe Mac di Baden è nominato cancelliere

4 ottobre

Vittoria alleata sulla linea Hindemburg

24-30 ottobre

Battaglia di Vittorio Veneto

29 ottobre

Ammutinamenti nella flotta tedesca. L’Austria offre la resa incondizionata

30 ottobre

La Turchia firma l’armistizio con l’Intesa a Mudhros. Tumulti rivoluzionari a Vienna, viene creato un Consiglio Nazionale Provvisorio per trattare la pace con l’Intesa

2 novembre

La corazzata austriaca Viribus Unitis è affondata nel porto di Pola da nuotatori d’assalto della marina italiana

3 novembre

Reparti italiani entrano a Trento e Trieste. Armistizio tra Italia e Austria-Ungheria a Villa Giusti, presso Padova

4 novembre

Movimenti rivoluzionari in Germania

6 novembre

Proclamazione della Repubblica polacca

9 novembre

Il Kaiser Guglielmo II abdica. Nasce a Berlino la Repubblica tedesca

11 novembre 

A Rethondes armistizio tra Intesa e Germania. Carlo I d’Austria rinuncia al trono

12 novembre

Proclamazione della Repubblica austriaca

14 novembre

Proclamazione della Repubblica cecoslovacca

16 novembre

Proclamazione della Repubblica ungherese

21 novembre

La flotta d’alto mare tedesca si consegna agli inglesi a Scapa Flow

albertosoave.it © 2017 Frontier Theme
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: