Elogio del rivoluzionario

Parecchi son di troppo
quando son via, si sta meglio.
Ma se lui è via, ci manca.

Egli organizza la sua lotta
per il soldino in più. per il tè caldo,
per il potere nello stato.
Domanda alla proprietà:
di dove vieni?
Alle opinioni domanda:
a chi servite?

Dove sempre si tace
egli parlerà
e dove regna l’oppressione e si ciancia di destino
dirà forte i nomi.

Alla tavola dove egli siede
siede la scontentezza,
diventa amaro il cibo,
appare angusta la stanza.

Dove l’inseguono, corre con lui
la rivolta, e là di dove l’han cacciato
l’inquietudine resta.

albertosoave.it © 2017 Frontier Theme
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi