Ancora sullo scrutinio delle schede

Il meraviglioso modulo per la registrazione del numero di tessera elettorale e della iscrizione al registro degli elettori

Poco dopo aver pubblicato il precedente post mi sono imbattuto nelle Confessioni di una scrutatrice. Non sto a fare un riassunto delle sue considerazioni, ma voglio soffermarmi solo su un paio di spunti.

Innanzitutto è vero: la gente non sa votare o, meglio, non sa più votare. Non è solo colpa loro, però. È colpa anche di almeno due altri fattori, uno tecnico e uno politico. Quello tecnico è dato dal continuo cambiamento del tipo di scheda: domenica, ad esempio, il nominativo del candidato sindaco si trovava sopra ai simboli delle liste che lo sostengono, quando è sempre stato, almeno da quando si vota direttamente la persona, in un cerchio alla sinistra.

Il fattore politico è invece determinato dal fatto che la maggior parte delle liste sono, per così dire, nuove. Simboli che sono nati e moriranno con queste elezioni, precedentemente pubblicizzati poco e male. Candidati politici che cercano di mimetizzarsi in liste civiche.

Lasciamo un attimo perdere le elezioni di Genova e andiamo a vedere cosa è successo a La Spezia. In una città di poco più di 90.000 abitanti erano presenti ben 26 liste (nella seguente tabella metto a sinistra le liste di partiti / le coalizioni di più partiti, nella colonna centrale le liste più o meno politiche e a destra le liste civiche. Nella riga iniziale di ogni raggruppamento, il candidato sindaco) a supporto di 12 candidati alla carica di primo cittadino:

Pierluigi Peracchini
Fratelli d’Italia AN – Forza Italia La Spezia Popolare
Lega Nord Spezia Vive
Lista Bianchi
Paolo Manfredini
Partito Democratico Laici Socialisti La Spezia Bella Forte Unita
Italia dei Valori A Sinistra! Noi Cittadini per La Spezia
Giovanni Lorenzo Forcieri
Al Lavoro per Spezia
Avanti per Spezia
Donatella Del Turco
Movimento 5 Stelle
Guido Melley
Noi Sinistra C’è Spezia
Noi Giovani
Giulio Guerri
Per la Nostra Città
Un Rinascimento per la Spezia
Massimo Lombardi
Spezia Bene Comune
Cristiano Ruggia
Partito Comunista Italiano Progressisti per Ruggia
Cesare Bruzi Alieti
Casapound Italia
Agostino Cucciniello
La Spezia si Cura
Gaetano Russo
Città Nuova
Maria “Marina” Di Filippo
Forza Nuova

Mi sembra evidente lo straordinario numero di liste civiche per concorrere e l’eccessivo numero di liste in generale. Questa situazione non può far altro che generare confusione e disperdere il voto fra tutte quelle forze, generalmente piccole, che non sono in grado di convogliare su se stesse grandi masse di elettori.

Lascio al lettore ulteriori considerazioni.

La seconda riflessione della scrutatrice riguarda invece il nodo dolente dell’astensionismo. Probabilmente la mia interlocutrice a distanza ha ragione: si tratta di un dato politico, e di un dato rilevante. Qui parliamo di oltre la metà degli aventi diritto che ha optato per non andare a votare, e non può essere un caso. In primo luogo un sistema elettorale che costringe a coalizioni spesso su programmi che si limitano a enunciare delle buone intenzioni su questioni prettamente amministrative, lasciando da parte gli ideali alti. Poi la continua rincorsa all’elettorato centrista, a scegliere la proposta meno peggio.

Torniamo a proporre politiche per la pace, per il lavoro, per l’ambiente. Sono sicuro che gli elettori torneranno a far sentire la loro opinione.

Updated: 14 giugno 2017 — 2:02

Rispondi

albertosoave.it © 2017 Frontier Theme
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Più info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi